Archive for the ‘arte’ Category

Manipolazione delle immagini

mercoledì, Agosto 18th, 2021

Senza parole.

mercoledì, Giugno 13th, 2018

Graziæ

giovedì, Aprile 2nd, 2015


Grazie Michelangelo per non essere nato oggi.
Grazie davvero.

Gnam

martedì, Marzo 17th, 2015

Il Senso II

mercoledì, Marzo 4th, 2015
C'era una volta un Samurai che iniziò a chiedersi il vero profondo motivo delle cose e mentre se lo chiedeva si accorse che era inutile chiederselo. Quindi smise di chiederselo e tornò a tagliate teste e a sorseggiare the verde al sapor di pinolo.
Fine.

Che palle sennò oh ma due coglioni.. il senso.. le cause.. Dio.. Cazzi e mazzi.. ma chi se ne fotte. Tanto si muore tutti ma vivi l'adesso come tutti questi pidocchi umani.. che coglioni..diobestiale..

Il Senso

mercoledì, Marzo 4th, 2015
C'era una volta un Samurai che iniziò a chiedersi il vero profondo motivo delle cose dato che spesso non capiva come mai accadevano alcuni eventi. Gli si presentavano davanti come bagliori e non afferrava il senso intrinseco di questi bagliori, erano già esistenti. Non se ne vedeva il sorgere. Iniziò quindi a cercare furiosamente la fonte di ogni piccola apparenza, di ogni minuscolo effetto e scavando profondamente capì dopo anni di fatica e sudore le "cause" nascoste ovvero il meccanismo che rende manifesto ogni effetto: una pianta dunque sboccia perché un seme è caduto tempo prima, un sorriso esplode perché qualcuno ha ispirato ilarità, il sole illumina alla fine della notte perché la terra gira. Era logico. Disarmante. Insomma dissotterrò le leggi del karma. Poi si chiese se esistesse una causa prima ovvero la causa delle cause cioè qualcosa che scaturisse le cause stesse. Qualcosa di più profondo. Qualcuno diceva che fosse un certo Dio la “Causa Prima” ma il Samurai non si accontentava di parole inutili, cercò senza appoggiarsi a idee o a consolazioni di sorta. Voleva farlo da solo. E continuò a scavare ancora più profondamente oltrepassando scuse, valicando pretesti, scappatoie, fandonie e appigli con sempre maggiore rabbia. Dedicò tutta la sua vita a questa ricerca. Si accorse che più scavava più cresceva l'attrito, ogni centimetro costava caro e costava afflizione. Tra solitari pianti e crampi di tormento arrivò dopo 41 anni finalmente alla causa delle cause prime! Si accorse che non esisteva alcuna causa, alcun motivo. Rimase un attimo in silenzio sbigottito guardandosi attorno ma era solo, tutta quella strada l'aveva sempre fatta da solo non c'era motivo che si aspettasse qualcuno. Desolazione. Quei pochi che avevano fatto finta di scavare con lui si erano ripiegati nei loro pretesti, nelle loro discolpe, nella loro codardia. Era terribile vedere il non senso delle cose. Insopportabile. Al Samurai tremavano i polsi. Ma in silenzio. Dentro. Non poter condividere questa orribile scoperta non sarebbe nemmeno stato giusto, solo i vigliacchi condividono il dolore, un Cercatore condivide solo la gioia, il resto lo tiene per se.
Pensò a cosa fare, a come gestire questo gigantesco vuoto e si accorse che la sua ultima parte di umanità cedette via strisciando come un serpente gelido e opportunista. Era completamente solo, guardava il baratro senza fine e si sentiva vuoto lui stesso. Nemmeno la consolazione del dolore sentiva.. c’era solo il nulla. Un recesso niente. Il crollo di una mancanza di pieno.
Capì cos'era il famoso velo d'illusione che gli antichi antenati accennavano in un mortificante sussurro, comprese che niente aveva, ha ed avrebbe avuto un motivo. Si rese conto della condizione umana, ogni motivo veniva appiccicato alle cose come un bersaglio disegnato intorno alla freccia già scoccata. Bugie pietose. Pietà. Misericordia. Si capacitò ed ebbe compassione di se stesso e degli altri anzi no: non aveva senso la compassione quindi non aveva più pietà. Era un sentimento umano e lui non era più umano, non pensava bene o male, non augurava premio o castigo, non sentiva rancore. Non sentiva nulla. Era tutto finito. Le cose non erano alla fine mai esistite. Lui stesso una volta scomparso non sarebbe mai esistito come il navigare veloce dei fenici, il crepitio del legno che si pezza o il bagliore di una goccia di sole. Era solo. Era un sole.

Riempì la buca tentando di ricolmarla, qualcuno avrebbe potuto caderci dentro e farsi male se non per la profondità almeno per la verità insita nel fondo.
Constatò che ci metteva molto meno a riempirla di quanto non ci avesse messo a scavarla e quando finì di ricoprire restava solo un cumulo di idee smosse e concetti sulla superfice delle cose come un campo arato.

Allora un bimbo gli si avvicinò e lo vide assorto nei suoi cupi pensieri e chiese “Ciao Samurai come mai sei così triste?”
“Sono triste perché..” esitò un attimo “.. perché ho perso una cosa a cui tenevo molto.”
“E cosa hai perso?”
“Ho perso.. il fodero della mia spada”
“Anche io una volta persi la mia bambola preferita ma poi capii che lei voleva conoscere altri bimbi e divenni felice. Doveva conoscere il mondo. Non essere triste dunque il fodero della tua spada sta cercando altre spade e quando le troverà sarà felice”
La fronte del Samurai si distese. Sorrise.
“Si hai ragione. Grazie. Come ti chiami bimbo?”
“Mi chiamo Senso. Alcuni mi chiamano Causa, altri Dio ma tu sei libero di non chiamarmi affatto.”
Fu così che il bimbo si allontanò dal Samurai.

E lui non lo rivide, mai più.

Youtube: Andrea Sorbi

mercoledì, Settembre 4th, 2013

FINALMENTE ho trovato Andrea Sorbi!!!
Dopo Matteo, Marina Tonini, SisterWolf, Giuseppe Simone
ho scovato il nuovo Messia o Faraone Nero.
Bellissimo!
Interessantissimo!
Serio!
E soprattutto credibile.

Quando le cose vanno di merda c'è sempre una scappatoia..
 

GRAZIE ANDREA

intervallo

giovedì, Gennaio 31st, 2013

Credo che mi prenderò un periodo di riposo.
Alla fine me lo sono meritato.
Adieù mon o'blog..

Caro Man Ray

lunedì, Ottobre 1st, 2012
  con una piccola modifica potevi rendere ALMENO un tua "opera" speciale e invece manco quella. Sei un banale impostore ma come si dice in un mondo di ciechi l'orbe è un Re. Emmanuel Rudnitzky detto Man Ray? Dovevano chiamarti Rain Man non Man Ray.

Abbi pietà.

mercoledì, Giugno 27th, 2012
Si dice che Michelangelo prese a martellate la sua Pietà* mosso dalla quasi perfezione della suddetta esclamando "Perché non parli?". 
La mia ex era bellissima. Quasi perfetta. Quando ci penso ho un rammarico: avrei dovuto prenderla a martellate esclamando "Perché parli?".
 
 
 
*Ok sembra che la martellata Michelangelo la dette al Mosé ma mi chiedo: com'è che se scrivo cose incredibili, strabilianti e magiche c'è il deserto e se scrivo qualcosa di sbagliato ricevo decine di mail, gente mi dorme nel pianerottolo coi cartelli o mi arrivano fax dove tutti si affrettano a puntualizzare un'errore? MA VAFFANCULO VAI